Se vuoi comprare una MTB usata, in questa guida all’acquisto troverai una serie di consigli per poter fare la migliore scelta possibile. Mi è già capitato di acquistare varie MTB di seconda mano e voglio condividere con te tutto quello che ho potuto imparare (come scegliere, cosa evitare…).

 

Se invece di leggere un articolo preferisci un video, ecco la versione in immagini dell’articolo sul mio canale YouTube:

 

Ecco gli argomenti affrontati nell’articolo:

Il boom del mercato della MTB usata^

In quest’ultimi anni c’è stato un forte aumento nella vendita delle biciclette: ho visto tante persone avvicinarsi incuriosite a questo mondo, comprare la loro prima Mountain Bike senza tante pretese e poi, dopo pochi mesi di pratica e con le idee più chiare, già pensare ad un futuro acquisto più performante.

Per altre persone invece, qualche mese di pratica basta per  capire che non è uno sport che fa per loro. Questo fenomeno ha portato alla nascita di un mercato parallelo: quello della MTB Usata.

Che tu stia cercando delle MTB enduro usate, delle MTB full usate o magari altro, sappi che non è facile districarsi in questo nuovo mercato. Per questo motivo ho pensato di farti beneficiare della mia esperienza per aiutarti. Cominciamo dai 5 punti fondamentali per scegliere una MTB usata.

MTB usata: I 5 punti fondamentali^

Come consigliato nell’articolo Come scegliere la prima MTB: guida completa, esistono varie opzioni per l’acquisto di una bici usata. Visto che abbiamo già parlato dei vari canali di vendita (sempre nello stesso articolo),  eviterò l’argomento, ma invece mi  voglio soffermare su alcuni trucchetti per fare un ottimo affare.

Avere le idee chiare su cosa acquistare^

Il primo passo è capire che tipo di acquisto si vuol fare in base anche al budget disponibile.

 

Fare un accurata indagine di mercato^

Prima di tutto devi conoscere la svalutazione del prodotto che ti interessa, che è direttamente proporzionale tra il prezzo del nuovo e la richiesta di mercato.

 

Conoscere i vari punti d’usura della MTB usata^

Questi variano in base alla tipologia di bici: in pratica una front ha delle sollecitazioni al telaio diverse rispetto ad una full, come una enduro o una downhill hanno un‘usura maggiore delle sospensioni rispetto ad una front.

 

Attenzione alle bici rubate^

Spesso si nascondono dietro i grandi affari: per evitare guai devi quindi controllare sempre la provenienza della bicicletta, i numeri di matricola del telaio, ed esigere sempre una prova d’acquisto.

 

Scegli la taglia giusta^

La frenesia dell’affare certe volte ti porta a comprare una MTB usata anche se la taglia è sbagliata: questo è un grave errore. Consiglio sempre di salire in sella e provare la bici prima dell’acquisto… fidati molto della tua sensazione.

 

[caption id="attachment_77" align="aligncenter" width="710"]La mia MTB usata Eccomi ad una gara con una delle bici usate che ho comprato ultimamente[/caption]

 

MTB usata : I controlli da fare^

Adesso analizziamo nel dettaglio come controllare i vari componenti:

a. Telaio^

[caption id="attachment_121" align="alignright" width="284"]MTB usata: telaio con crepa Piccola crepa nella base del movimento centrale: potrebbe essere la vernice che si è scheggiata o il carbonio lesionato.[/caption]

Molti bikers hanno la convinzione che il telaio non è soggetto ad usura. In realtà oltre ai danni che potrebbe causare una caduta, ci sono da mettere in conto i km percorsi.

Vediamo come controllare il telaio di una MTB usata in base alla tipologia:

Telaio in carbonio^

Và controllato minuziosamente, in particolare nei punti di maggiore sollecitazione: un buon carbonio impiega circa 100mila km per usurare i punti critici come la scatola sterzo ed il movimento centrale.

Possono sembrare molti km ma tieni presente che un professionista percorre circa 25mila km l’anno, anche se solitamente cambiano un telaio l’anno. Guarda attentamente i graffi, e la mancanza di vernice e sappi che il carbonio invecchia precocemente al sole.

Telaio in alluminio^

Attento alle bozze da caduta, ma non dargli troppo peso, sempre che non compromettano la struttura del telaio.

Ricorda che l’alluminio invecchia più velocemente del carbonio (l’usura strutturale inizia a comparire a circa 50mila km).

Telaio full suspend^

In carbonio o alluminio che sia, oltre ai sopracitati controlli, devi verificare il funzionamento dei cuscinetti del carro. Certo non puoi esaminare ogni singolo cuscinetto (sarebbe troppo laborioso). L’unica prova che puoi fare quindi sarà quella di ascoltare eventuali rumori durante la compressione del carro.

Al di là del tipo di telaio occhio sempre agli adesivi, spesso nascondono insolite sorprese. Inoltre esamina tutti i punti di giunzione:

  • Attacco del carro
  • Tubo sella
  • Attacco tubo verticale con la scatola sterzo
  • Attacco movimento centrale

 

b. Forcella^

Particolare attenzione alla forcella, specie se stai acquistando una Mountain Bike usata da downhill o una MTB usata da enduro, perché in queste discipline sono più sollecitate.

Guardando sui vari mercatini, noto che quasi sempre, tendono a precisare di aver fatto la manutenzione della forcella da poco. Ora ti svelo un piccolo trucco per capire se è vero.

Pompa la forcella e verifica gli steli perché:

  1. Gli steli di una forcella nuova o da poco revisionata risulteranno leggermente umidi per l’eccesso di olio sostituito
  2. Gli steli di una forcella usata invece sono secchi o addirittura potresti notare delle strisce di gomma nera. In questo caso i gommini raschiaolio si sono induriti e si consumano con lo sfregamento (in questo caso tieni presente che occorre una manutenzione in un centro specializzato).

Altri controlli da fare sono:

  • verificare eventuali graffi o solchi sugli steli
  • controllare che la regolazione del rebound funzioni (velocità di ritorno) 
  • controllare che la regolazione della compressione funzioni
  • nel caso di una dual position (escursione variabile), controllare con un metro che gli steli si fermino alla giusta posizione
  • controllare lo stato dei raschiapolvere

Fai attenzione anche agli upgrade: spesso si tende a sostituire la forcella con una di escursione maggiore, stravolgendo la geometria del telaio, cosa che nel migliore dei casi comporta una penalizzazione in pedalata ed in manovrabilità.

In rari casi però si può arrivare addirittura ad una rottura del telaio causata dalle forti sollecitazioni trasversali.

c. Ammortizzatore^

Esistono due tipi di ammortizzatore: ad aria ed a molla. I primi sono usati in enduro e in all mountain:  i controlli da fare sono simili alla forcella.

Per quelli a molla bisogna conoscere la taratura della molla che varia in base al peso. Nel caso non fosse adatta al tuo peso, devi preventivare una sostituzione della molla: sappi che il prezzo si aggira fra i 100 e 150 euro.

 

d. Trasmissione^

Un modo molto semplice per vedere lo stato di efficienza di una bici, lo si trova proprio nell’usura della trasmissione.

È risaputo che  la parte meccanica è soggetta ad usurarsi più velocemente (catena, pignoni e corone). Se queste parti della MTB usata risultano in buono stato, sostanzialmente tutta la bici non avrà percorso molti km (sempre che non siano  stati sostituiti da poco)

Esaminiamo ora i vari componenti che formano il gruppo trasmissione:

Catena^

Sicuramente è quella sottoposta a maggiore usura meccanica (allungamento). Di norma andrebbe controllata con un calibro da catena, strumento molto economico e semplice da usare. Comunque ti consiglio di preventivare l’acquisto di una nuova catena, spesa non eccessiva che si aggira intorno ai 30 euro.

Guarnitura^

E’ il cuore del gruppo. Ne fanno parte le leve dei pedali che solitamente sono di due misure: 170mm e 175mm, logicamente in relazione alla misura del telaio (170mm S/M ;1 75mm L/XL).

Controlla sempre se hanno crepe e se la parte  dove alloggiano i pedali sia integra e la filettatura non sia consumata. Passiamo ora alla corona o alle corone (in base alle velocità del gruppo): anch’esse si usurano facilmente, e particolarmente quando abbiamo una catena allungata.

Controllare lo stato delle corone è molto semplice, basta che esamini i denti: se hanno la cosiddetta forma a pinna di squalo, sono da sostituire.

 

Pacco pignoni^

Stesso discorso delle corone: controlla l’usura dei denti e nel caso fosse da sostituire, tieni presente che sarà una spesa che si aggira intorno alle 50 euro per un normale Shimano a 10 velocità, ma che può salire  a 250 euro di uno Sram x1 a 11  velocità.

 

Cambio posteriore^

Controlla che tutti i rapporti si innestino correttamente. Osserva, inoltre, l’usura delle due pulegge e l’allineamento forcellino-pignone.

Stesso discorso del pacco pignoni: un cambio posteriore oscilla dai 30 euro per uno Shimano Deore ai 200 euro di uno Sram xx1 quindi fai attenzione.

 

 

e. Ruote^

[caption id="attachment_130" align="alignright" width="230"]MTB usate: esempio di ruota con cerchio storto dopo una caduta Esempio di ruota con cerchio storto dopo una caduta.[/caption]

Il guasto più oneroso che si può presentare su una ruota, potrebbe essere il canale storto o abbozzato, e qualche cuscinetto del mozzo da sostituire.

Per controllare bene un cerchio usato, in linea di massima devi  farlo girare (se fosse possibile meglio senza copertone). Quindi controllare se gira diritto e se i cuscinetti sono scorrevoli. Controlla, inoltre, se i raggi sono tesi o sono lenti: in tal caso ti consiglio una regolata da un meccanico esperto.

 

Dove comprare una MTB usata^

Le opzioni non mancano per acquistare una MTB usata: da Subito ai vari mercati su Facebook passando per i forum dedicati, hai tante possibilità.

Per maggiori dettagli, ti rimando al mio articolo su come scegliere la prima MTB ed in particolare ai consigli relativi alle MTB usate.

Conclusione: i fattori più importanti per comprare una MTB usata^

In conclusione, comprare una buona MTB usata non è molto difficile, ma bisognare fare attenzione e mettere in pratica suesti consigli. Se dovessi riassumere i punti più importanti per comprare delle MTB usate ed evitare brutte sorprese, direi:

  • Attenzione particolare al telaio soprattutto se in carbonio,
  • Occhio ai componenti più costosi
  • Non andare impreparato e controlla prima il costo dei componenti della bici
  • Attenzione alla misura
  • Occhio alle truffe ed alle bici rubate
  • E soprattutto, compra sempre di persona.

Se badi  a queste cose, sei pronto per fare un bell’affare e montare in sella alla tua nuova bici.

Buone pedalate!