Sono passati 5 mesi dalla fatidica decisione di partecipare al Tuscany Trail. Come annunciato nell’articolo in cui ti presentavo questo fantastico giro, a fine marzo avevo raggiunto una buona forma fisica di partenza. In questo articolo voglio condividere con te tutti i preparativi.

Una preparazione un po’ movimentata…

Ad aprile avrei dovuto aumentare i km ed il dislivello totale, ma purtroppo mi è venuta una prostatite che mi ha fermato per 20 giorni. Comunque niente di preoccupante: anche se molti mi hanno consigliato di rinunciare a questa splendida avventura, da fine aprile ho ripreso ad allenarmi.

Ecco un primo bilancio di questa fase di preparazione iniziata a gennaio:

  • sono dimagrito 12 kg (non è la prima volta che riesco a perdere peso con la bici)
  • riesco a pedalare per 200 km con circa 2000 m di dislivello.

Oggi mancano due giorni alla partenza l’ansia di non farcela è tanta, ma  la voglia di iniziare a pedalare per i sentieri della Toscana lo è ancora di più.

Le cose fondamentali da portare per il Tuscany Trail

Sicuramente quello che mi manca è l’esperienza per questo tipo di giri. Ho avuto quindi difficoltà a preparare i bagagli.

Ma vediamo insieme se ho portato tutto:

  • Smartphone con l’applicazione NEVER ALONE installata (serve agli organizzatori per tracciarmi durante il giro);
  • NAVIGATORE GARMIN 1030 con la traccia del giro installata;
  • Per precauzione, porto con me anche il GARMIN 520;
  • 2 POWER BANK da 20 000 (anche se mi sta venendo il dubbio che una possa essere sufficiente);
  • Caricabatteria e vari cavetti per caricare le utenze;
  • GARMIN VIRB X con 3 batterie;
  • Telefono GSM che ha un autonomia di 10 giorni (per chiamare moglie e figli).

 

Come ho affrontato l’ultima settimana

Questa è la settimana del recupero: basta con i giri lunghi, basta con il dislivello e soprattutto basta con la dieta.

Stop agli allenamenti perché i muscoli devono recuperare una perfetta forma fisica: ho fatto un uscita di un’ora, giusto per provare l’assetto della bici.

Allenarsi nell’ultima settimana, significherebbe stressare il muscolo che ha bisogno di ricompattarsi ed inoltre esaurirei il glicogeno muscolare.

Per questi lunghi giri bisogna accumulare molto glicogeno e lo si fa

  • mangiando carboidrati nell’ultima settimana;
  • non pedalando per gli ultimi 3/4 giorni.

Sicuramente riprenderò uno o due kg, ma devo accumulare più energie possibili, almeno per il primo giorno.

 

Piccole strategie per il Tuscany Trail

Premetto che non ho alcuna esperienza per questo tipo di attività e le mie teorie le ho sviluppate solo i seguito ad analisi e lettura  fatti qua e là sul web.

Affaticamento e stress

Sicuramente, per evitare il senso di affaticamento e lo stress muscolare che si avverte quando si va a lesionare la massa muscolare, cercherò di pedalare sempre in zona aerobica (anche se magari sarò più lento rispetto agli altri). Durante la giornata farò un paio di pause lunghe (di almeno 2 ore) per far riposare i muscoli.

Pasti e acqua

I pasti saranno sempre abbondanti di carboidrati.  Dovrò bere un sorso d’acqua ogni dieci minuti, anche che se so che non è facile (sicuramente mi scorderò di farlo). Ho deciso di portarmi due borracce da 950 ml:

  • in una metterò degli elettroliti, da bere in almeno quattro ore;
  • nell’altra solo acqua, da terminare ogni ora.

Le tappe

Non ho ancora deciso se suddividere le tappe: vorrei pedalare a sensazione, stando attendo però a non bruciare le gambe il primo giorno, dove sarò carico di forza e di adrenalina (altra cosa molto difficile)

Di sicuro non voglio pedalare di notte: per il semplice motivo, che voglio godermi i paesaggi e non mi va di passare in qualche bellissimo luogo di notte e non vedere nulla.

 

Conclusioni

L’unica cosa che posso dirti è che comunque vada sarà un successo: sono sicuro che questa avventura mi porterà tanta esperienza in più.
In fin dei conti, anche la preparazione lo è stata:

Ho capito che ciclisticamente parlando se vuoi crescere ti devi dare degli obbiettivi da raggiungere.

 

Non so se riuscirò a portare a termine questo giro e, se lo farò, in quanto tempo , ma so di sicuro che negli ultimi sei mesi sono migliorato tanto come ciclista. In particolare, ho imparato a gestire meglio gli sforzi a pedalare per molte ore al giorno e soprattutto ho conosciuto la Fatica (con la f maiuscola).

Quindi sarà comunque un successo.

 

Seguimi duranti il Tuscany Trail su Facebook!

Pagina Facebook MTB Addict

Ogni giorno pubblicherò foto, aggiornamenti sulla mia gara e se riesco anche video per farti vivere con me le emozioni della gara. Per seguirmi ti basta lasciare un bel like sulla pagina Facebook.

 

A presto!