In questo articolo ti propongo il test degli ammortizzatori Ohlins TTX22M. La casa svedese Öhlins Racing AB, già blasonata nel mondo Downhill, ha deciso di approdare in Enduro nel migliore dei modi.

Diventata dal 2015 partnership di Specialized e fornendo così le sospensioni di primo montaggio per il Demo, l’Enduro e la Stumpjamper, Ohlins sta facendo tremare tutte le sue rivali con una nuova forcella e due  ammortizzatori (ad aria e a molla).

Oggi il mio test si concentra sugli ammortizzatori Ohlins TTX22M a molla. L’ho montato sulla mia Stumpjamper 27,5” e solo per l’effetto visivo  già me ne sono innamorato:

EVITA 3 GRAVI ERRORI QUANDO COMPRI UNA MTB

Scarica GRATIS l'ebook per evitare rimpianti e problemi...

mtb Stumpjumper con ammortizzatori ohlins

Prima di continuare, ti chiedo di regalami un “Mi piace”: a te non costa nulla (ci vuole un secondo), ma per me è fonte di grande soddisfazione e mi ripaga di tutto il lavoro svolto!
 

 

Test ammortizzatori Ohlins TTX22M: specifiche tecniche

Ecco un pò di dati tecnici sugli ammortizzatori Ohlins TTX22M:

  • tecnologia “twin tube” (cioè a doppio tubo) che separa la compressione e il ritorno, usando due circuiti diversi. Questo sistema di ammortizzatori bitubo permette che i settaggi su compressione e ritorno siano più efficaci;
  • ritorno basse velocità, gestito dalla rotellina gialla con 6 click alla base dell’ammo;
  • compressione basse velocità, gestita dalla rotellina azzurra con 16 click;
  • compressione alte velocità, gestito da una leva nera ed ha 3 posizioni;
  • precarico molla;
  • grande varietà di molle con un gap di circa 10 kg;
  • possibilità di montare molle in titanio, con un buon risparmio di peso ed una risposta più immediata;
  • lunghezza/escursione: 7.5×2.0” (190×51), 7.87×2.0” (200×51), 7.87×2.25” (200×57), 8.5×2.5” (216×63), 8.75×2.75” (222×70), 9.5×3” (240×76), 10.5×3.5”(267×89).

Test ammortizzatori Ohlins TTX22M: prova sul campo

Test degli ammortizzatori Ohlins TTX22M in discesa

Quando ho iniziato a girare con la Stumpjamper, è stato subito amore: si tratta di una bici divertente, maneggevole e veloce. Purtroppo ho riscontrato un difetto: sullo scassato veloce, il carro posteriore era poco gestibile con la ruota che saltellava molto.

Da quando ho sostituito il suo Fox di serie con il TTX22M sembra di avere un’altra bici:

  • la ruota posteriore è letteralmente attaccata al suolo, in tutti i tipi di terreno;
  • Anche in frenata la bici è migliorata tantissimo: sono diminuiti anche gli spazi  grazie al grip maggiore;
  • Ho aumentato notevolmente la velocità, perché questo ammortizzatore riesce ad imprimerti sicurezza;
  •  Maggiore stabilità e  controllo anche sulle peggiori asperità.

ohlins ammortizzatori ttx

Test degli ammortizzatori Ohlins TTX22M: in salita

Ero titubante sull’acquisto dell’ Ohlins TTX  per il problema “pedalata”: la mia incertezza era che nei trasferimenti e nei rilanci “bobbasse” troppo.

In realtà mi ha stupito, posizionando la leva della compressione alte velocità in modalità climb, quasi si blocca.

Se poi bisogna fare dei lunghi trasferimenti si può chiudere anche il ritorno alle basse velocità e li l’ammortizzatore si blocca come se fosse ad aria.

 

Test degli ammortizzatori Ohlins TTX22M: regolazioni

L’Ohlins TTX22M si ispira al double barrel che fu progettato proprio in collaborazione con Ohlins.

A differenza dell’ammortizzatore di Cane Creek, qui abbiamo solo una regolazione del ritorno e per fortuna! Ho un Double Barrel sulla Downhill e ti assicuro che c’è da impazzire con tutte queste regolazioni.

Posso garantirti che la differenza nei 6 click si sente tutta.

Dove mi ha deluso è nella laboriosa scelta di 16 click per la compressione alle basse velocità, a mio parere troppe, la differenza è minima, bisogna scalare di almeno tre click per sentire una variazione.

Ma il punto forte invece è la compressione alle alte, 3 posizioni che cambiano notevolmente l’assetto della bici in base al terreno.

Inoltre c’è da dire che il posizionamento della leva è stato azzeccato, è facile da raggiungere anche in pedalata.

 

Come comprare gli ammortizzatori Ohlins

Una delle possibilità è acquistare gli ammortizzatori sul sito della Andreani Group, che è il distributore ufficiale della casa svedese Ohlins per l’Italia. Ricorda che la molla sarà tarata sul tuo peso quindi può essere consigliabile ordinarla (sempre ad Andreani) tramite il tuo negozio di fiducia.

 

Test ammortizzatori Ohlins TTX22M: conclusioni

Sicuramente non è un ammortizzatore ad aria, quindi non lo consiglio ai malati del grammo, siamo a circa 1 kg, anche se ora con le molle in titanio si risparmiano circa 300 grammi.

Lo consiglio a chi piace giocare con le regolazioni, a chi predilige la forte velocità e a chi ama i percorsi tortuosi.

Il prezzo lo rende poco accessibile (750 euro). Costa quindi poco più di un Fox alta gamma ma, a mio avviso, non c’è paragone: se vuoi il massimo in discesa e un buon compromesso in salita, questo è il tuo prodotto, non ne resterai deluso… buone pedalate!

Se questo articolo ti è stato utile, regalami un like: a te non costa nulla, ma per me sarà fonte di grande soddisfazione e mi aiuterà moltissimo (è un modo per ringraziarmi per aver dedicato tempo a questa recensione e avertela offerta gratis)!